Grado di protezione (IP): questo sconosciuto

Grado di protezione (IP): questo sconosciuto

Grado di protezione (IP): questo sconosciuto

Sovente ci vengono rivolte domande circa il grado di protezione di una lampada. Vogliamo con questo articolo fare un pò di chiarezza su cosa siano per orientare i clienti nell'acquisto della giusta lampada.


Risulta evidente che un corpo illuminante differisce non solo per la qualità della luce, per la sorgente luminosa, per il fascio di luce ma anche per il contesto in cui dovrà assolvere alla sua funzione primaria: illuminare.

Una abat-jour è ben diversa da un faretto ad immersione. Così come nessuno si sognerebbe mai di utilizzare la propria lampada da terra nel giardino di casa.

Il grado di protezione (che si indica con la sigla IP) indica il grado di isolamento del corpo illuminante ai corpi esterni solidi e liquidi. Si esprime con due valori: il primo indica il grado di protezione agli agenti solidi, il secondo ai liquidi.

Il grado di protezione ai corpi solidi si misura attraverso una scala crescente che va da 1 (la protezione da corpi di 50 mm) a 6 (il corpo risulta protetto da corpi dalle dimensioni inferiori al decimo di millimetro). Il grado di protezione agli agenti liquidi, invece, varia da un valore minimo di 1 (semplice protezione dalle goccie d'acqua) a 8 (il corpo può essere immerso nell'acqua, anche in profondità).

Ecco dunque il significato della sigla IP20 oppure IP44. Il primo è il classico grado di protezione di una lampada da interno. Il secondo garantisce, invece, una protezione per esterno: sono le tipiche lampade ideali per il giardino: protezione da corpi di un millimetro e dagli spruzzi d'acqua. Soprattutto per quanto rigurda l'esterno tale valore è assai importante, poichè maggiore è il grado di protezione, maggiore sarà la resistenza della lampada agli agenti atmosferici: un grado IP65, per esempio, è l'ideale se la vostra lampada da giardino sarà esposta alla pioggia. Valori IP 68 e IP68-xx (dove per xx si intendono i metri di profondità) indicano lampade ad immersione: vogliamo illuminare la piscina? Spero per voi possiate farlo!

Per ulteriori informazioni visita il portale ProfessioneLuce!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *